Vantaggi e svantaggi dei Voucher di lavoro

Voucher-LavoroCon il Jobs Act il Governo Renzi ha portato novità anche in tema di “voucher lavoro” INPS introducendo modifiche estensive in termini di tetti e modalità di utilizzo e gestione dei buoni lavoro più semplici, dalla comunicazione telematica preventiva all’utilizzo dei buoni lavoro, alle operazioni di acquisto e incasso, al monitoraggio complessivo delle procedure.
Ma questo nuovo strumento presenta sicuramente dei vantaggi ma anche degli svantaggi, cerchiamo di analizzarli meglio.

Svantaggi

La normativa che regola i buoni lavoro non è esente da problematiche, il Dottor Rosario De Luca, Presidente della Fondazione Consulenti del Lavoro prova a fare un’analisi delle ombre di questa riforma: “«Fermo restando gli aspetti positivi di questa riforma esiste però un concreto rischio di elusione nel momento in cui la procedura non richiede la puntuale indicazione del giorno e dell’orario della effettiva prestazione (richiede un arco temporale all’interno del quale verrà utilizzato il voucher per il lavoratore interessato)».

Oltre a questo, segnalano sempre i Consulenti del Lavoro, si potrebbe aggiungere l’ancora attuale problema del “digital divide” in alcune zone del nostro Paese e la conseguente insufficiente copertura della linea internet che impedirebbe l’acquisto dei buoni lavoro e la relativa comunicazione telematica, rendendo quindi complicato sfruttare questo utile strumento.

Vantaggi

Non mancano certo anche gli aspetti positivi, quali la procedura che è stata resa semplice e snella, gestibile telematicamente senza bisogno di avere troppe conoscenze informatiche. Particolarmente semplici risultano poi anche l’acquisto e l’incasso dei voucher, operazioni possibili presso le rivendite di tabacchi.
Positiva anche la tracciabilità sul sito dell’INPS per ogni lavoratore che consente di monitorare e verificare il totale delle prestazioni ed evitare sforamenti. Non dimentichiamo poi la spinta che i voucher hanno dato all’emersione del lavoro nero e all’aumento dell’occupazione.

Lascia un commento