La pensione in totalizzazione

La totalizzazione è un istituto, alternativo alla ricongiunzione e al cumulo, che permette a tutti i lavoratori che hanno versato contributi previdenziali in due o più casse, gestioni o fondi di riunirli in per ottenere un’unica pensione finale di vecchiaia, anticipata, inabilità e ai superstiti ad esclusione della pensione di invalidità, senza alcun onere a carico del richiedente. Sono interessate tutte le gestioni INPS (dipendenti, artigiani, commerciati, coltivatori diretti, gestione separata) e le Casse professionali ad esclusione della Fondazione ENASARCO.

Attenzione: non sono validi ai fini della maturazione del diritto i periodi di contribuzione coincidenti

 

I requisiti

 

La totalizzazione per la riunione di tutti i propri contributi versati in diverse gestioni previdenziali si può richiedere purchè il lavoratore che ne faccia domanda:

 

  • non sia già titolare di una pensione diretta erogata da una delle gestioni previdenziali;
  • non abbia chiesto e accettato la ricongiunzione dei periodi assicurativi dopo il 3 marzo 2006.

Possono ricorrere alla totalizzazione tutti i lavoratori purchè iscritti a:

 

  • due o più forme di assicurazione obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti;
  • forme sostitutive, esclusive ed esonerative dell’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO);
  • Gestione Separata dei lavoratori parasubordinati;
  • Casse previdenziali private per soggetti iscritti in albi o elenchi professionali;
  • Fondo di previdenza per il clero secolare e per i ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica.

La possibilità di totalizzazione deve interessare tutte le gestioni cui il lavoratore è stato iscritto e tutti i periodi contributivi versati nella singola gestione e possono rientrare nella totalizzazione per calcoli a fini pensionistici anche i periodi contributivi versati all’estero in Paesi comunitari e in Paesi che abbiano con l’Italia convenzioni bilaterali di sicurezza sociale.

 

La pensione in regime di totalizzazione

 

Le pensioni che vengono calcolate e liquidate in regime di totalizzazione:

  • sono soggette a tassazione Irpef come tutti gli altri trattamenti pensionistici;
  • l’importo è determinato in esclusivo regime di calcolo contributivo ad esclusione di eventuali gestioni in cui il lavoratore abbia maturato i requisiti per il diritto a una pensione autonoma; 
  • non prevedono il riconoscimento di integrazione al trattamento minimo;
  • hanno decorrenza 18 mesi (per la pensione di vecchiaia) e 21 mesi (per la pensione anticipata) dopo la maturazione dei requisiti.

 

 

Lascia un commento