La pensione di invalidità e di inabilità: non sempre se ne ha diritto

Le prestazioni di invalidità e inabilità, nelle gestioni INPS, richiedono sempre due requisiti specifici:

 

requisito sanitario

 

per l’assegno ordinario di invalidità la perdita di almeno due terzi della capacità a svolgere il proprio lavoro e per la pensione di inabilità la perdita totale a svolgere qualsiasi attività (questo è il motivo per cui è richiesta anche la cessazione dell’attività lavorativa).

 

requisito contributivo

 

almeno 5 anni (260 settimane) di contribuzione di cui 3 (156 settimane) nel quinquennio precedente la domanda

 

Mentre per quanto riguarda il requisito sanitario è compito della commissione medica dell’INPS verificarne la presenza, per il requisito contributivo è invece compito del lavoratore accertarlo. Infatti è questo il punto delicato a cui prestare attenzione e che potrebbe veder negare al lavoratore il diritto alla prestazione. E’ bene leggere attentamente e sino alla fine le condizioni per ottenere la prestazione: prerequisito di almeno 5 anni di contribuzione, ulteriore requisito: di cui almeno 3 nel quinquennio precedente la domanda.

 

Prendiamo il caso di un commerciante che dopo 15 anni di attività sia riconosciuto inabile: il prerequisito (almeno 5 anni di contribuzione) è presente così come l’ulteriore dei 3 anni nel quinquennio precedente. Il diritto alla prestazione è maturato, nessun problema.

 

Esaminiamo adesso un altro caso, quello di un artigiano che ha lavorato e contribuito per 18 anni ma che, a causa di una crisi finanziaria della sua azienda, abbia cessato l’attività da due anni e sia riconosciuto inabile.

Qui le cose si complicano perché pur avendo ben 18 anni di anzianità contributiva non possiede l’ulteriore requisito dei 3 anni nel quinquennio precedente. In questo caso, purtroppo, non ha diritto ad alcuna prestazione.

 

E’ molto importante tenere presente questa ulteriore condizione richiesta per evitare di ritrovarsi sgradevoli sorprese!!

Probabilmente la presenza di una copertura assicurativa ridurrebbe il danno economico derivante!!

Lascia un commento