La circolare INPS 6/2020: chiarimenti sul riscatto agevolato

 
La Circolare 6/2020 dell’Inps ha incluso anche i lavoratori più anziani che si sono iscritti all’università prima del 1° gennaio 1996. A patto però di accettare un assegno interamente calcolato con il sistema contributivo.

 

L’apertura offerta dalla Circolare Inps 6/2020 sta aprendo nuovi scenari al riscatto agevolato della laurea estendendo la possibilità del riscatto “light” anche per gli anni del corso di laurea antecedenti il 1996. Tale possibilità era infatti riservata a periodi di corso post 1995.

 

La facoltà può essere esercitata a prescindere dall’età anagrafica del richiedente, eliminando il vincolo di 45 anni.

L’onere da sostenere è pari a € 5.264,49 (nel 2020) per ciascun anno, è inoltre possibile il riscatto parziale.

 

La facoltà presuppone tuttavia che gli anni oggetto di riscatto si collochino nel sistema di calcolo contributivo. Cosa significa/comporta questo?

 

In questo caso, infatti, le anzianità antecedenti al 1° gennaio 1996 vengono determinate non più con il metodo retributivo ma con il contributivo e, pertanto, si può fruire anche del riscatto agevolato della laurea. Va da sé che la decisione non è indolore; se da un lato consente di abbattere l’onere di riscatto dall’altro comporta, almeno per i lavoratori più anziani (cioè con più anzianità al 31.12.1995), una riduzione sensibile (ed irreversibile) dell’assegno pensionistico. E’, invece, una opportunità interessante per chi ha poca contribuzione al 1995 e si trova nel dubbio se riscattare o meno la laurea relativa al periodo anteriore. In tal caso l’opzione al contributivo unita al riscatto agevolato consente di abbattere l’onere senza ridurre molto l’assegno. Le ipotesi e gli scenari che si aprono sono molteplici e sicuramente vanno studiati caso per caso.

Va ricordato che l’esercizio della facoltà è subordinato all’effettivo conseguimento del titolo di studio e riguarda solo i periodi di durata legale di studio (non sono validi i periodi fuori corso). 

Lascia un commento